RIFLESSIONE SUL DIALOGO : Ci rivolgiamo al pubblico potenzialmente interessato alla manifestazione descritta nel volantino, invitandolo a leggere questo breve pensiero che descrive l’atmosfera di un evento così come é
da noi immaginato ed auspicato con viva speranza:

Spesso le persone nel tempo libero si aggregano in luoghi di vario tipo per parlare liberamente fra di loro. Gli argomenti del discorrere possono essere innumerevoli. Quando nel gruppo si consolidano armonia e comprensione reciproca, le persone   partecipano al  dialogo con vivo interesse e spontanea disponibilità. Si crea allora,
nell’ambito del gruppo, il desiderio di dare il proprio contributo e di  ascoltare gli amici anche nel caso emergano argomenti poco noti  ad una certa parte dei presenti. È un’atmosfera piacevole. Si parla,  si ascolta, si chiede, si valuta, si evoca, si critica, nel rispetto della dialettica   e,   soprattutto,   ci   si   conosce.   Scompare   ogni   volontà competitiva, ogni arroganza autoritaria. In sintesi, emerge il senso dello star bene insieme. Sono esperienze che, nel tempo, possono portarci   a   rivedere   il   nostro   vissuto,   ad   analizzarlo   secondo   la prospettiva della pari dignità di tutti”.

Un simile stato di cose viene spesso considerato fuori dalla realtà, non conforme allo stare “con i piedi per terra”. Si presta a molte obiezioni. Una delle più probabili è la seguente: ma di che cosa possiamo parlare se non dei fatti inerenti il quotidiano? Ad essa possiamo rispondere:

Leggi il programma del ciclo di incontri. Si tratta di una serie di conferenze ad alto contenuto culturale, seguite da un libero e coordinato dibattito fra i presenti. È impegnativo, ma è necessario pensare anche a qualcosa di diverso dall’immediato. Del resto i cambiamenti in positivo delle varie società provengono sempre da un impegno fuori dall’usuale.

In questo ciclo di incontri vogliamo illustrare, tramite il pensiero di Einstein, il valore culturale della Scienza. Ogni eventuale spettatore potrà  poi formarsi un giudizio personale sull’opportunità di aver partecipato.